Ingegneria

Ingegneria (2)

Il mondo dell'ingegneria

Ieri ho partecipato al seminario di aggiornamento, organizzato dal mio ordine professionale, sulla revisione delle Norme Tecniche per le Costruzioni.
Ho apprezzato la chiara esposizione dei preparatissimi colleghi Furnari e Miano.
 

Dopo ben 10 anni dal 2008, il 22 Marzo scorso sono entrate in vigore le nuove NTC 2018 - D.M. 17 Gennaio 2018: Aggiornamento delle "Norme Tecniche per le Costruzioni"

A fronte di un aggiornamento previsto con cadenza biennale mi sembra un ottimo risultato visti i normali tempi del legislatore in Italia.
Alla data attuale la circolare di esplicativa non è ancora stata emanata.

 

Già depositato il ricorso al TAR

Alcune grandezze hanno cambiato nome ma sono rimaste pressochè identiche nella sostanza, scorrendo i capitoli troviamo passi avanti e a volte passi indietro.
Qualche giorno fa  è già stato depositato il ricorso al TAR a causa di un comma che rischia di paralizzare il settore dei controlli sulle costruzioni. Il comma in questione infatti consente l'attività di prelievo dei campioni dalle strutture già esistenti solo ad un esiguo numero di operatori, un centinaio di laboratori prove e materiali, impedendo di fatto ai professionisti incaricati lo svolgimento  delle attività in questione.
 
Per assurdo il campionamento di un materiale da costruzione non è più di competenza dei professionisti ma di un centinaio di laboratori prove, con operatori che non hanno nemmeno l'obbligo di possedere un titolo professionale.
Mi piace sottolineare che il settore della diagnostica delle costruzioni esistenti in Italia è tra i più avanzati al mondo grazie all'immenso patrimonio storico edilizio del quale disponiamo e sul quale bisogna spesso agire per conservarlo nel tempo.
ntc2018

Cenni su alcune modifiche

Entrando più nel merito e non volendo essere esaustivo, di seguito un breve cenno ad alcune delle modifiche introdotte dalle nuove NTC:
  • Eliminato qualsiasi riferimento alle verifiche con il metodo delle tensioni ammissibili che ricordo poteva ancora essere applicato al verificarsi di particolari condizioni.
  • Per il legno si parla di X-LAM o CLT  in modo esplicito "Pannelli di tavole incollate a strati incrociati" nella tabella dei coefficienti parziali di sicurezza.
  • Novità introdotte anche nell'analisi statica non lineare (pushover) per edifici in muratura.
  • E' stato sviluppato un nuovo criterio per la definizione della regolarità in pianta e modificato il criterio di definizione degli impalcati rigidi.
  • Il calcolo del periodo di vibrazione fondamentale, per l'analisi statica lineare, è stato modificato aggravando l'onere computazionale migliorando però la bontà del risultato ottenuto.
  • Per gli edifici esistenti, per gli interventi di miglioramento, è nato un valore minimo da raggiungere per l'indicatore di rischio
 

Ma cosa scrive Mario Tozzi?

Stimo molto Mario Tozzi come Divulgatore Scientifico e Geologo, oggi però leggo un articolo a sua firma su La Stampa "Tondini al risparmio e sabbia di mare: così cede il nostro cemento armato", l'articolo è stato ripreso ed amplificato da altre testate giornalistiche ed importanti blog come ad esempio l'Huffington Post.

Mario Tozzi
Mario Tozzi

Il titolo suscita presto l'attenzione del lettore, è necessario però, a mio modestissimo parere, rettificare alcune frasi che rischiano di distorcere la realtà, ed in particolare:

"Per esempio la volontà di risparmiare tempo e denaro, riducendo la sezione dei tondini di ferro, imponendoli lisci invece che «costati»."

 

Quindi posso utilizzare "tondini lisci" nelle nuove costruzioni?

Barre Lisce

Il lettore medio, intendendo per "medio" un qualsiasi utente che non mastichi ingegneria civile, è portato a pensare che oggi 25 Marzo 2017 in Italia è possibile scegliere se impiegare nella struttura in calcestruzzo armato "tondini lisci" o "tondini costati".

Il caro lettore medio, inoltre potrebbe pensare che è possibile, da parte di un personaggio non meglio specificato, imporre l'utilizzo di "tondini lisci" anzichè "costati".

La realtà dei fatti è ben diversa da quella descritta, lo sa bene qualsiasi tecnico del settore, i tondini lisci ampiamente usati fino agli anni 65 - 70 e tecnicamente noti come barre lisce, non vengono più utilizzati da decenni nelle costruzioni in calcestruzzo armato.

I tondini che il Dr. Tozzi chiama "costati", credo per ragioni legate alla fruibilità dell'articolo al nostro caro utente medio, sono tecnicamente noti come barre ad aderenza migliorata, le uniche barre attualmente impiegate nelle costruzioni in calcestruzzo armato.

E' quindi possibile trovare barre lisce in vecchie strutture, non certamente nelle nuove.

L'utilizzo delle barre lisce è stato abolito, così infatti recitano le "Norme Tecniche per le Costruzioni" D.M. 14 Gennaio 2008:

  • Cap. 11 | Materiali e prodotti per uso strutturale

11.3.2 | Acciaio per cemento armato

11.3.2.4 | Caratteristiche dimensionali e di impiego:

"Tutti gli acciai per cemento armato devono essere ad aderenza migliorata, aventi cioè una superficie dotata di nervature o indentature trasversali, uniformemente distribuite sull’intera lunghezza, atte ad aumentarne l’aderenza al conglomerato cementizio."
Barre ad aderenza migliorata
Barre ad aderenza migliorata

 

La sezione delle barre di armatura è discrezionale?

Quanto alla sezione delle barre, preciso che essa scaturisce dalla progettazione dell'opera, attività ampiamente normata.

Certamente nel paragrafo Tozzi non intendeva far passare il concetto che il diametro sia un parametro totalmente discrezionale.

Ma è bene precisare che per il progettista non è possibile ridurre la sezione delle barre discrezionalmente oltre il "minimo" consentito dalla normativa tecnica, sono lasciati margini di discrezionalità quando la scelta va a vantaggio di sicurezza. Nella realizzazione dell'opera poi tutto potrebbe accadere, ma difficilmente si va incontro all'ipotesi dell'impiego di barre con diametro inferiore a quello di progetto.

 

Un mio pensiero

L'Italia è il paese dei furbetti, questo lo sappiamo, spesso esistono difformità, di vario tipo e genere, tra il progetto esecutivo di un'opera ed il manufatto realizzato, questo però non ci autorizza ad instillare nell'opinione pubblica idee fondate su notizie scorrette.

Le notizie scorrette possono avere due basi:

  • Buona fede - A causa di una scarsa conoscenza della materia
  • Mala fede - Notizie artificiosamente costruite con la volontà di indirizzare il pensiero del lettore, quindi l'opinione pubblica

Sempre secondo il mio parere in questo caso Mario Tozzi, agisce secondo buona fede in quanto non è certamente un tecnico delle costruzioni, bensì uno scienziato specializzato in una disciplina attigua, la geologia.

Rimane comunque invariata la stima che ho nei suoi confronti.

« Ottobre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
Vai all'inizio della pagina